Benvenuto ospite






RACCONTI

indietro
sauna

Sauna Era da parecchio che insistevo con mia moglie per recarci in un club privè; lei però aveva sempre rifiutato nel modo più assoluto.

La sera del nostro anniversario – sono 20 anni che siamo felicemente sposati- dopo una bella cena in un buon locale della zona dove viviamo decido di prendere l’iniziativa e mi dirigo verso una vicina località dove sapevo esserci un club appena aperto.

Saputa la destinazione, l’irrigidimento di lei è stato immediato, ma ormai eravamo avviati verso quella meta.

Appena entrati ci vien chiesto un documento di identificazione per iscriverci al club come garanzia, così ci dicono, che tutti i frequentatori siano soci.

E’ bastato questo per perché mia moglie, già per niente convinta di entrare, facesse il passo indietro che temevo.

C’ero quasi riuscito: ma il fatto di fornire il proprio documento e quindi di rendersi immediatamente identificabile ha vanificato tutti i tentativi fatti per convincerla.

Niente da fare, si torna a casa! Dopo questo episodio anche la strada del privè si rivelava non percorribile.

Come potevo soddisfare la mia curiosità ed eccitazione di frequentare, assieme a lei, un ambiente dove si praticasse sesso in presenza di più persone? L’occasione mi si presenta venendo in contatto, nelle mie incursioni sul web alla ricerca di qualcosa in cui coinvolgerla, da un sito in cui si parla di un sauna club dove gli aspetti del wellness (sauna, bagno turco, idromassaggio) sono offerti ad una utenza scambista.

Mi informo immediatamente: non è necessario alcun documento, il posto è in Slovenia, lontano dalla nostra zona, nessuno ci conoscerà: non può dirmi di no! Infatti, anche se precisando che lei non ha nessuna intenzione di prestarsi a situazioni “particolari”, accetta la proposta.

Il solo fatto che abbia accettato e il pensiero di recarci in un luogo dove altre coppie fanno sesso mi eccita a tal punto da rendere l’attesa di quel giorno interminabile.

Finalmente partiamo.

Arrivati a destinazione entriamo al club, indossiamo gli accappatoi e ci rechiamo alla sala wellness.

Non c’è molta gente: solo due coppie sui lettini che si rilassano leggendo.

Prendiamo i nostri posti, che mia moglie scegli fra quelli più lontani da quelli già occupati.

Dopo un po’ ci decidiamo per la sauna.

Entriamo in cabina, nudi.

Qui, come del resto in Austria e in Alto Adige, alla sauna si entra nudi, non come in Italia che invece ci facciamo mille problemi a mostrarci agli altri.

In cabina c’è un’altra coppia, che da subito capiamo essere non italiana, sui 40-45 anni.

La cabina non è molto grande: ci sistemiamo nei posti liberi.

Non posso non notare lo sguardo di Beatrice che, spesso, incrocia il corpo dell’altro ospite: sicuramente un bell’uomo e soprattutto …ben attrezzato! Vedere Beatrice che indugia sul suo corpo mi da una sensazione indescrivibile: mi turba, mi smuove dall’interno, mi stimola pensieri e sensazioni; non guardo, se non distrattamente nemmeno la sua lei.

Sono troppo preso dall’eccitazione di mia moglie che guarda un altro in modo totale.

Se penso che, come mi ha sempre detto, io sono stato l’unico uomo con cui ha fatto sesso, quegli sguardi mi rendono ancora più sorpreso e allo stesso tempo catturato dal desiderio.

Mi accorgo che mi sto eccitando, mi guardo e, quasi contemporaneamente, anche l’altra ospite della cabina mi guarda e mi sorride dolcemente.

Imbarazzatissimo mi metto prono: mi vergogno.

In questa posizione non vedo più Beatrice: non so se continua a guardare.

L’incertezza mi inquieta: voglio sapere.

Dopo un paio di interminabili minuti, forse per aver capito la mia situazione o, chissà, per fuggire da una tentazione incombente, Beatrice mi dice di voler uscire: non sopporta il troppo caldo e l’elevata sudorazione.

Usciamo, una breve doccia fredda, e poi sul lettino per il relax.

Pochi minuti e vediamo che dalla cabina esce anche la coppia di stranieri.

Dopo la doccia, coperti solo da un piccolo asciugamano, vengono a sistemarsi vicino ai nostri lettini.

Mi accorgo solo ora di quanto lei sia attraente: non bella, nel senso che comunemente si attribuisce a tale aggettivo, ma sensuale, elegante, morbida nelle forme, discreta.

Deve essersi accorta dei miei sguardi perché mi sorride di nuovo.

Beatrice non riesce a mascherare la sorpresa e un po’ di imbarazzo nel vedere che i due si sono sistemati vicino a noi.

Mi guarda smarrita, cerca il mio aiuto.

Le do un bacio, le sorrido, le prendo la mano che stringo forte: si rassicura.

Le chiedo se vuole un bicchier d’acqua.

“Si” risponde ”ma non lasciarmi sola!” Perché? Cosa le è scoppiato dentro da non voler rimanere sola vicino ai due stranieri? Rimango con lei.

Ad un tratto lui si alza e va alla fontanella: ritorna con quattro bicchieri e la bottiglietta d’acqua.

Si rivolge a mia moglie in un italiano stentato e ci offre l’acqua.

Io le dico: “Visto? Problema risolto!” Sorride.

Si è rilassata.

I due si risistemano sul lettino.

Il mini asciugamano che li cinge lascia ben poco spazio all’immaginazione: è veramente una bella coppia.

Noi intanto parliamo del più e del meno: io sono sul fianco, dò le spalle ai nostri vicini.

Mia moglie li ha di fronte.

Ad un certo punto vedo qualcosa che cambia nell’espressione del suo volto: colgo lampi di imbarazzo e di curiosità.

E’ arrossita, se n’è accorta.

Continuando a guardare alle mie spalle si avvicina e mi sussurra qualcosa che non capisco.

“La sta toccando” mi ripete senza distogliere gli occhi dall’uomo.

Le accarezzo la guancia, le chiedo dolcemente: “Vuoi che lo faccia anch’io?” Non risponde, chiude gli occhi.

Le poso una mano sul fianco.

L’accappatoio non riesce trattenere il calore: brucia di desiderio? Scendo verso le gambe scoperte: è rovente, la pelle delicata e liscia, si lascia accarezzare.

Risalgo dall’interno e scosto leggermente l’accappatoio: mi piace il suo corpo.

Dopo 20 anni provare assieme queste sensazioni mi rende felice.

Beatrice apre gli occhi come se avesse capito il mio pensiero e mi bacia.

Ci stringiamo forte.

Sente tutto il mio desiderio su di lei: glielo spingo addosso.

Le slaccio la cintura dell’accappatoio, la scopro e la guardo: sorride anche lei.

I capezzoli turgidi smascherano una eccitazione intensa.

La tocco, un fremito la percorre, socchiude le labbra e richiude gli occhi.

Anche lei mi cerca: fra le pieghe dell’accappatoio, mi trova, duro da scoppiare.

Lentamente mi insinuo fra il suo umore; impercettibilmente si muove dettandomi il suo volere.

Scopro ancora mondi sconosciuti e sensazioni nuove! Ormai siamo un tutt’uno, ci dimentichiamo di non essere soli, di essere in un luogo frequentato da altri, di avere vicino a noi altre due persone.

Siamo come inebriati dal nostro piacere: nulla ormai può fermarci.

Ci troviamo già scoperti dagli accappatoi, avvinghiati nel nostro calore, quando vedo che il nostro vicino si è portato ai piedi del nostro lettino e, accosciato, ci guarda.

Sfiora i piedi di Beatrice che non reagisce.

Lentamente la risale lungo i polpacci, ridiscende sui piedi e li massaggia.

Ripete più volte questa operazione.

Poi sale sul lettino e si inginocchia sovrastandole le gambe.

Adesso le accarezza le cosce.

Io la bacio con ardore.

Abbandono il suo sesso e mi sposto sui capezzoli turgidi e pieni che stringo, sfioro, stringo.

Lei si morde un labbro, si abbandona.

Lui intanto sempre più sfacciato mi ha sostituito: con la mano le sfiora quel segreto che solo io ho conosciuto, vi indugia, ci gioca, ne gode.

Beatrice si lascia andare, si tocca i seni…è in viaggio! Sento improvvisa una mano che mi percorre longitudinalmente la schiena: leggera, delicata, scende fino ai glutei per poi risalire più energica, decisa; arriva alla nuca, mi accarezza la guancia.

Mentre il suo compagno accarezza profondo mia moglie lei mi cinge le spalle, mi bacia sul fianco; si sposta all’interno e mi coglie nel pieno del mio turgore.

Decisa lo bacia e lo succhia, voracemente.

Con una mano cerca l’altro cazzo che trova grosso come mai ne avevo visti prima.

Lui continua a toccare mia moglie che ora vede la scena: ma ormai è indifesa: il piacere la sovrasta, non riesce a fermarsi.

Non vogliamo fermarci.

Mi giro supino verso la mia amica sconosciuta: le bacio e strizzo i grossi seni, le natiche rotonde.

Voglio baciarla profonda: mi sposto a 180°: adesso la mia testa è fra le sue cosce, alla ricerca del suo segreto e dietro a me, mia moglie che sento ansimare e toccarmi con le sue gambe aperte dentro le quali c’è uno sconosciuto che la scopre tutta.

Nella nuova posizione creatasi lei mi succhia e lo stringe e io assaporo i suoi umori.

Beatrice adesso è penetrata tutta da lui.

E’ la sua prima volta con un uomo diverso da suo marito.

Un gemito di sorpresa accompagna l’entrata del grosso membro che martellante scompare e riappare dilatandola tutta.

Le piace da impazzire: è in trance.

Dalla straniera riceve il mio cazzo che divora insaziabile: le due bocche si alternano portandomi oltre, in territori fino ad ora solo immaginati.

Sono in viaggio! Non riesco a trattenermi.

Bacio il fiore più bello di mia moglie mentre l’altro la penetra, bacio la rosa straniera che mi succhia vorace alternandosi con Beatrice.

E’ un groviglio di corpi, di sensi, di umori.

Lo straniero si sposta e si inginocchia a porgere la sua potenza alla bocca di Beatrice che lo accoglie, avida.

Non riesce a contenerlo tutto.

Anch’io mi sposto, salgo su mia moglie, la prendo mentre lei gioca con quel coso enorme aiutata dall’altra che, nel frattempo, si è messa carponi a fianco di Beatrice.

Passo da Beatrice alla straniera: le prendo, ora l’una ora l’altra, alternativamente.

Sto per scoppiare.

Lo straniero si accorge e mi affianca: loro due carponi e noi dietro.

Siamo tutti vicino all’orgasmo che, improvviso, si impossessa di mia moglie che freme, si torce, mugugna, elettricamente spasima, si accascia stremata.

Lui non si ferma, la insegue, la cinge e penetra ancora; vuole goderne ancora.

Beatrice, di fronte a questo improvviso impulso, si torce di nuovo, si dimena, non può sfuggire: arriva un altro orgasmo, diverso, profondo, potente.

Anche lui ansima, è vicino: improvviso esplode tutto il suo piacere dentro di lei e, accasciandosi, la copre tutta. Quest’immagine accelera la mia eccitazione, mi fa impazzire mentre continuo sulla sconosciuta.

Che si avvicina a Beatrice e l’accarezza in viso, poi stringe la schiena del suo compagno.

Sto per venire: esco e la ricopro di voglia bollente, di fluente senso liberatorio, di energia vitale che scorre in un piccolo rivolo lungo i glutei rotondi.

Provo emozioni infinite, ho scoperto nuovi misteri! Passa un po’ di tempo, non so quanto, fino a che lentamente ritorniamo in noi, ci risistemiamo; i due sconosciuti ritornano nel loro lettino, noi ci avviamo in silenzio verso la doccia.

Non ci esce parola, perché forse troppe parole sarebbero da dire.

Sto per dire qualcosa, non so cosa, Beatrice lo intuisce, si porta un dito alla bocca…sssttt., sorride e mi bacia sotto la doccia. Forse ci torneremo.



ATTENZIONE
Per visualizzare il racconto è necessario effettuare il Log In